Gli Animaloni

Musica - Filosofia - Psicologia - Animazione - Cinema - Università - Salesiani Cooperatori
 
IndiceIndice  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 VARIE - discussioni varie

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
gianluca

avatar

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 16.07.10
Età : 47

MessaggioTitolo: natale 2010   Mar Dic 21, 2010 5:05 pm

BAMBINO GESÙ
Preghiera di Natale e dell'Avvento


Asciuga, Bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!
accarezza il malato e l'anziano!
Spingi gli uomini a deporre le armi
e a stringersi in un
universale abbraccio di pace!
Invita i popoli, misericordioso Gesù,
ad abbattere i muri creati
dalla miseria e dalla disoccupazione,
dall'ignoranza e dall'indifferenza,
dalla discriminazione e dall'intolleranza.
Sei Tu, Divino Bambino di Betlemme,
che ci salvi liberandoci dal peccato.
Sei Tu il vero e unico Salvatore,
che l'umanità spesso cerca a tentoni.
Dio della Pace, dono di pace all'intera umanità,
vieni a vivere nel cuore di ogni uomo
e di ogni famiglia.
Sii Tu la nostra pace e la nostra gioia! Amen.
(Preghiera di Giovanni Paolo II)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
gianluca

avatar

Messaggi : 28
Data d'iscrizione : 16.07.10
Età : 47

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Mar Dic 21, 2010 5:06 pm

diego ha scritto:



buon natale a tutti e felice 2011


UN RACCONTO DI NATALE
Era una strana vigilia di Natale. La sera del 24 dicembre di quell’anno non era affatto gelida e nessun manto di neve ricopriva le strade e le case. Il maestrale soffiava impetuoso, ravvivando le fiamme che si levavano alte dalla foresta.
Sudati, nel caldo soffocante, gli uomini si affannavano tentando di domare le fiamme, mentre in una piccola casa la nonna continuava a fare il presepio, lentamente, ammirando amorevolmente quella piccola opera d’arte. Quante volte aveva costruito quello scenario? Dolci ricordi e tenere immagini di calore familiare affioravano alla sua mente.
Il piccolo presepio era ormai terminato quando la nonna si alzò, sorridendo soddisfatta. Un’ombra di preoccupazione oscurò il suo volto quando l’odore acre del fumo giunse alle sue narici. Scotendo la testa e dando un altro sguardo al presepio si sedette e cominciò a recitare il Rosario. I grani della coroncina scorrevano tra le sue dita, mentre le palpebre le si appesantivano, la sua mente si svuotava, la sua testa si piegava dolcemente sul petto. Con gli occhi semichiusi guardava le statuine del presepio.
La luce tremolante di una candela proiettava ombre suggestive sulla capanna e sulle statuine intorno ad essa. A un tratto la nonna guardò più attentamente. Che succedeva?
Gesù Bambino accennò con la manina al padre. San Giuseppe gli si avvicinò teneramente, ascoltando il suo sussurro. Il presepio prese vita. San Giuseppe avvicinò un pastore. Un mormorio si levò tra la piccola folla. Le teste annuirono, le mani si strinsero. Tutti scesero sul pavimento, cominciando ad aumentare di statura fino a raggiungere proporzioni umane.
La nonna, seduta sul suo seggiolone di paglia, li vide avvicinarsi alla porta per poi uscire e sparire nella notte.
Riaprendo gli occhi, la nonna gettò uno sguardo curioso alle statuine. Erano tornate al loro posto. A svegliarla erano state le voci del nipote e di altri uomini entrati nella stanza insieme a lui. Con i visi anneriti dal fumo raccontarono quello che era accaduto in quella lunga notte.
Il nipote le spiegò che l’incendio non sarebbe mai stato spento senza l’aiuto delle persone che erano sopraggiunte sul luogo a dare una mano. Gente sconosciuta, stranieri sicuramente.
Ma la nonna sapeva bene chi fossero quegli uomini generosi e, col suo cuore semplice, raccontò il miracolo cui aveva assistito.
- Lo avete sognato, nonna! -
La nonna scosse la testa con un sorriso, volgendo lo sguardo al presepio e attirando sul bambino adagiato sulla paglia gli occhi degli uomini.
Un uomo cercò una candela nuova e l’accese alla fiamma dell’altra che si spegneva.
- Non si sa mai – disse.




Quello che avete appena letto è un bellissimo racconto di Maurice Vauthier che ho voluto riscrivere e rivisitare in occasione del Natale di quest’anno.
Lo lessi molti anni fa in un vecchio libro. Un libro per bambini. Non a caso, credo, perché i bambini sanno, come nessun altro sa fare, cogliere il messaggio di una fiaba senza perdere tempo a ricercare la veridicità o la verosimiglianza di quello che è solo il contorno del “cuore” del racconto.
I bambini sanno vedere aldilà delle apparenze, usando la loro fantasia. Questa è la loro ricchezza.
Diverso discorso è da fare per gli adulti. Quante volte avete sentito frasi del tipo: “Ma tu credi ancora nelle favole!”, accompagnate da una risatina sprezzante e da un irritante tono di sufficienza?
E allora mi chiedo se in questo mondo di prove empiriche e dati scientifici non sia stata persa a capacità di sognare, di avere desideri e pensieri da bambino.
Eppure, sottrarsi di tanto in tanto alla realtà potrebbe essere il modo giusto per capire cosa conta nella vita, per imparare viverla meglio. Migliorando noi stessi miglioreremo il mondo. Dando ascolto al bambino che c’è in noi riusciremmo a vedere il bene nelle persone, smetteremmo di guardarci le spalle tentando di evitare un ipotetico tiro mancino ai nostri danni, non ci chiuderemmo in noi stessi rischiando di diventare persone aride e fredde.
A Natale il mistero più grande, la trinità di Dio, si rinnova. Ciò non ci lascia confusi o intimoriti ma ci riempie di un mistico senso di fede cristiana. Ciò ci dovrebbe far capire quanto sarebbe bello abbandonarsi con fiducia anche a ciò che non possiamo spiegare, imparare a credere per imparare a sperare e a vedere il mondo con spirito più ottimista.
Il mio augurio è che tutti riescano a farlo. Buone feste!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: natale 2010   Ven Dic 24, 2010 9:45 pm



NINNA NANNA
Caro Bambin Gesù la ninna nanna
risuona dolce per te nella capanna,
la ninna nanna che sa cantar
la tua mamma,
canta con gli angeli in ciel
osanna osanna,
la ninna nanna che sa cantar
la tua mamma,
canta con gli angeli in ciel
osanna osanna.
Guardando il viso 'si dolce
e tanto sereno
la mamma con grande amor
ti stringe al seno,
e nel suo cuore risuona
come una voce
quel bimbo grande sarà
là sulla croce,
e nel suo cuore risuona
come una voce
quel bimbo grande sarà
là sulla croce.
In terra e in cielo per te
tutto sembra cantare,
son ninna nanna d’amor
per ringraziare
la ninna nanna che sa cantar
la tua mamma,
canta con gli angeli in cor
osanna osanna,
la ninna nanna che sa cantar
la tua mamma,
canta con gli angeli in cor
osanna osanna.


Natale 2010
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 3:14 pm

La carovana nel deserto
(Bruno Ferrero, C'è qualcuno lassù)
Un potente sovrano viaggiava nel deserto segui¬to da una lunga carovana che trasportava il suo favo¬loso tesoro d'oro e pietre preziose.
A metà del cammino, sfinito dall'infuocato river¬bero della sabbia, un cammello della carovana crol¬lò boccheggiante e non si rialzò più.
Il forziere che trasportava rotolò per i fianchi della duna, si sfasciò e sparse tutto il suo contenuto, perle e pietre preziose, nella sabbia.
Il principe non voleva rallentare la marcia, anche perché non aveva altri forzieri e i cammelli erano già sovraccarichi. Con un gesto tra il dispiaciuto e il ge¬neroso, invitò i suoi paggi e i suoi scudieri a tenersi le pietre preziose che riuscivano a raccogliere e por¬tare con sé.
Mentre i giovani si buttavano avidamente sul ric¬co bottino e frugavano affannosamente nella sabbia, il principe continuò il suo viaggio nel deserto.
Si accorse però che qualcuno continuava a cam¬minare dietro di lui. Si voltò e vide che era uno dei suoi paggi, che lo seguiva ansimante e sudato.
«E tu» gli chiese il principe, «non ti sei fermato a raccogliere niente?».
Il giovane diede una risposta piena di dignità e di fierezza: «Io seguo il mio re».

«Molti discepoli di Gesù si tirarono indietro e non andavano più con lui. Allora Gesù domandò ai Do¬dici: "Forse volete andarvene anche voi?".
Simon Pietro gli rispose: "Signore, da chi andre¬mo? Tu solo hai parole che danno la vita eterna. E ora noi crediamo e sappiamo che tu sei quello che Dio ha mandato"» (Vangelo di Giovanni 6,66-69).
Messaggio da Medjugorje del 25 febbraio 2011



"Cari figli, la natura si risveglia e sugli alberi si vedono le prime gemme che porteranno un bellissimo fiore e frutto. Desidero che anche voi, figlioli, lavoriate sulla vostra conversione e che siate coloro che testimoniano con la propria vita, così che il vostro esempio sia il segno e l’esortazione alla conversione per gli altri. Io sono con voi e davanti a mio Figlio Gesù intercedo per la vostra conversione. Grazie per aver risposto alla mia chiamata."

Apparizione annuale a Jakov Colo del 25 Dicembre 2010
Jakov ha detto: “ La Madonna mi ha parlato dei segreti e alla fine ha detto: pregate, pregate, pregate.”
Messaggio a Mirjana
2 Febbraio 2011

"Cari figli, vi radunate intorno a me, cercate la vostra strada, cercate, cercate la verità, ma dimenticate la cosa più importante: dimenticate di pregare correttamente. Le vostre labbra pronunciano parole senza numero, ma il vostro spirito non prova nulla. Vagando nelle tenebre, immaginate anche Dio stesso secondo il vostro modo di pensare e non quale è veramente nel Suo Amore. Cari figli, la vera preghiera proviene dalla profondità del vostro cuore, dalla vostra sofferenza, dalla vostra gioia, dalla vostra richiesta di perdono dei peccati. Questa è la via per la conoscenza del vero Dio e con ciò stesso anche di se stessi, perché siete creati a Sua immagine. La preghiera vi condurrà al compimento del mio desiderio,della mia missione qui con voi, l’unità nella famiglia di Dio. Vi ringrazio".
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 4:41 pm

Fidanzamento
(Kahlil Gibran, The Broken Wing)

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio cuore una dimora per la tua bellezza,
del mio petto un sepolcro per le tue pene.
Ti amerò come le praterie amano la primavera,
e vivrò in te la vita di un fiore
sotto i raggi del sole.
Canterò il tuo nome come la valle
canta l'eco delle campane;
ascolterò il linguaggio della tua anima
come la spiagga ascolta
la storia delle onde.


Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 4:43 pm

Sorridi alla vita
Sorridi alla vita che viene e avanza, sempre così ricca di sorprese e di novità.
Sorridi alla poesia che ti canta nel cuore, per spingerti alla ricerca di spazi sconfinati.
Sorridi al tuo oggi, così fresco e pulito, per niente corroso dalla pesantezza del tempo.
Sorridi ai fiori gialli del campo e ai convolvoli rosa, aggrappati alla siepe della strada.
Sorridi al cinguettio dei passeri che saltano di ramo in ramo tra il verde dei pini.
Sorridi ai tentativi che fai per diventare creatura nuova.
Sorridi al sudore di colui che scalpellando trae dalle viscere austere della pietra il volto radioso di un bimbo.
Sorridi al vento che, accarezzandoti, reca in dono il profumo ossigenante dei campi vicini e lontani.
Sorridi al sole, che ancora non si è stancato di offrirti una cascata di luce e di calore.
Sorridi ai bambini che incontri, perché sono il grande motore del futuro.
Sorridi all'anziano dal volto grinzoso, perché ha nel cuore una storia che ti è necessario sapere.
Sorridi alla musica silenziosa delle stelle che, di lassù, guidano la danza dell'universo.
Sorridi anche alla pagina del dolore, perché, quando l'avrai completata, voltandola, ne troverai una tutta bianca e sarà l'inizio di una stagione nuova.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 4:44 pm

Preghiera dei fidanzati
(Card. Giovanni Battista Montini)

Nel mio cuore, o Signore,
si è acceso l'amore per una creatura
che anche tu conosci ed ami,
Ti ringrazio di questo dono
che mi inonda di una gioia profonda,
mi rende simile a te che sei l'Amore,
e che mi fa comprendere il valore
della vita che mi hai donato.
Fa' che io non sciupi
questa immensa ricchezza
che mi hai messo nel cuore:
insegnami che l'amore è un dono
e non può mescolarsi con nessun egoismo,
che l'amore è puro
e non può stare con nessuna bassezza,
che l'amore è fecondo
e deve fin da oggi
produrre una nuova vita in me
e chi mi ha scelto.
Ti prego per chi mi aspetta e mi pensa,
per chi mette in me tutto il suo avvenire;
Rendici degni l'un dell'altro.
Preparaci al matrimonio, alla sua grandezza,
alle sue responsabilità,
perché le nostre anime e i nostri cuori
siano fin d'ora uniti nello stesso amore.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 4:45 pm

Il Signore della danza
(Sidney Carter)

Danzate, ovunque voi siate, dice Dio,
perché io sono il Signore della danza:
io guiderò la danza di tutti voi.
Dovunque voi siate,
io guiderò la danza di tutti voi.

Io danzavo
il primo mattino dell'universo,
io danzavo circondato dalla luna,
dalle stelle e dal sole,
disceso dal cielo danzavo sulla terra
e sono venuto al mondo a Betlemme.

Io danzavo per lo scriba e il fariseo,
ma essi non hanno voluto seguirmi;
io danzavo per i peccatori,
per Giacomo e per Giovanni,
ed essi mi hanno seguito
e sono entrati nella danza.

Io danzavo il giorno di sabato,
io ho guarito il paralitico,
la gente diceva che era vergogna.
Mi hanno sferzato
mi hanno lasciato nudo
e mi hanno appeso ben in alto
su una croce per morirvi.

Io danzavo il Venerdì,
quando il cielo divenne tenebre.
Oh, è difficile danzare
con il demonio sulle spalle!
Essi hanno sepolto il mio corpo
e hanno creduto che fosse tutto finito,
ma io sono la danza
e guido sempre il ballo.

Essi hanno voluto sopprimermi
ma io sono balzato ancora più in alto
perché io sono la Vita
che non può morire:
e io vivrò in voi e voi vivrete in me
perché io sono, dice Dio,
il Signore della danza.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 4:46 pm

Parlami d'Amore
(Michel Quoist)
L'Amore supera l'amore, mio caro.

L'amore è volo d'uccello nel cielo infinito.
Ma il volo dell'uccello
è più che il volteggiare in aria di un esserino di carne,
più che le sue ali innamorate, corteggiate dal vento,
è più che l'indicibile gioia quando muoiono i battiti delle ali
e il corpo in pace plana nella luce.

L'amore è canto di violino che canta il canto del mondo.
Ma il canto del violino
è più che il legno e l'archetto, inerti e solitari,
più che le note in abito da sera che danzano sulla partitura,
e più che le dita dell'artista che corrono sulle corde.

L'amore è luce, per le strade umane.
Ma la luce che si dà
è più che carezza mattutina che apre gli occhi notturni,
più che raggi di fuoco che riscaldano i corpi,
e più che mille pennelli d seta che colorano i volti.

L'amore è fiume d'argento che scorre verso il mare.
Ma il fiume vivo, che indugia o che si affretta,
è più che il suo letto accogliente, scrigno che non trattiene,
più che l'acqua che si arrossa allo sguardo del tramonto,
e più che l'uomo sulla riva che getta l'esca e ne estrae i frutti.

L'amore è veliero che sulle acque fende le onde.
Ma la corsa del veliero
è più che la prora sedotta che penetra il mare, che si offre o i dibatte,
più che le vele frementi sotto il tocco della brezza o gli schiaffi del vento,
è più che le mani del marinaio afferrate al timone,
mentre instancabile insegue la sua selvaggina.

...l'Amore supera l'amore.

L'Amore è soffio infinito, che viene da un altrove e vola verso l'altrove.

L'amore è mente d'uomo che conosce e riconosce il soffio,
è libertà d'uomo che tutto si volge verso di Lui.
L'amore è consenso dell'uomo al soffio che invita,
è cuore dell'uomo che si apre per accoglierlo e donarLo,
è corpo dell'uomo che si raccoglie, disponibile,
perché da Lui abitato, da Lui invaso
prenda il volo verso gli altri,
verso... l'altro,
e perché infine
ciò che era lontano si ricongiunga e si accordi
ciò che era separato diventi uno
e che dall'uno sgorghi una nuova vita.


Per essere un buon danzatore, con te come con tutti,
non occorre sapere dove la danza conduce.
Basta seguire,
essere gioioso,
essere leggero,
e soprattutto non essere rigido.
Non occorre chiederti spiegazioni
sui passi che ti piace di segnare.
Bisogna essere come un prolungamento,
vivo ed agile, di te.
E ricevere da te la trasmissione del ritmo che l'orchestra
scandisce.
Non bisogna volere avanzare a tutti i costi,
ma accettare di tornare indietro, di andare di fianco.
Bisogna saper fermarsi e saper scivolare invece di
camminare.
Ma non sarebbero che passi da stupidi
se la musica non ne facesse un'armonia.

Ma noi dimentichiamo la musica del tuo Spirito,
e facciamo della nostra vita un esercizio di ginnastica:
dimentichiamo che fra le tue braccia la vita è danza,
che la tua Santa Volontà
è di una inconcepibile fantasia.
Se noi fossimo contenti di te, Signore,
non potremmo resistere
a questo bisogno di danzare che irrompe nel mondo,
e indovineremmo facilmente
quale danza ti piace farci danzare
facendo i passi che la tua Provvidenza ha segnato.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Feb 26, 2011 4:47 pm

La principessa
(Bruno Ferrero, 365 storie per l'anima)

C'era una volta un re che aveva una figlia di grande bellezza e straordinaria intelligenza.
La principessa soffriva però di una misteriosa malattia. Man mano che cresceva, si indebolivano le sue braccia e le sue gambe, mentre vista e udito si affievolivano. Molti medici avevano invano tentato di curarla.
Un giorno arrivò a corte un vecchio, del quale si diceva che conoscesse il segreto della vita. Tutti i cortigiani si affrettarono a chiedergli di aiutare la principessa malata. Il vecchio diede alla fanciulla un cestino di vimini, con un coperchio chiuso, e disse: «Prendilo e abbine cura. Ti guarirà».
Piena di gioia e attesa, la principessa aprì il coperchio, ma quello che vide la sbalordì dolorosamente. Nel cestino giaceva infatti un bambino, devastato dalla malattia, ancor più miserabile e sofferente di lei.
La principessa lasciò crescere nel suo cuore la compassione. Nonostante i dolori prese in braccio il bambino e cominciò a curarlo. Passarono i mesi: la principessa non aveva occhi che per il bambino. Lo nutriva, lo accarezzava, gli sorrideva. Lo vegliava di notte, gli parlava teneramente. Anche se tutto questo le costava una fatica intensa e dolorosa.
Quasi sette anni dopo, accadde qualcosa di incredibile. Un mattino, il bambino cominciò a sorridere e a camminare. La principessa lo prese in braccio e cominciò a danzare, ridendo e cantando. Leggera e bellissima come non era più da gran tempo. Senza accorgersene era guarita anche lei.

Signore, quando ho fame mandami qualcuno che ha bisogno di cibo;
quando ho sete, mandami qualcuno che ha bisogno di acqua;
quando ho freddo, mandarmi qualcuno da riscaldare;
quando sono nella sofferenza, mandami qualcuno da consolare;
quando la mia croce diviene pesante, dammi la croce di un altro da condividere;
quando sono povero, portami qualcuno che è nel bisogno;
quando non ho tempo, dammi qualcuno da aiutare per un momento;
quando mi sento scoraggiato, mandami qualcuno da incoraggiare;
quando sento il bisogno di essere compreso, dammi qualcuno che ha bisogno della mia comprensione;
quando vorrei che qualcuno si prendesse cura di me, mandami qualcuno di cui prendermi cura;
quando penso a me stesso, rivolgi i miei pensieri ad altri.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: san giuseppe   Sab Mar 19, 2011 1:50 pm



Preghiera a San Giuseppe.

A te, o beato Giuseppe, stretti dalla tribolazione, ricorriamo, e fiduciosi invochiamo il tuo patrocinio, dopo quello della tua santissima sposa. Per, quel sacro vincolo di carità, che ti strinse all'Immacolata Vergine Maria, Madre di Dio, e per l'amore paterno che portasti al fanciullo Gesù, riguarda, te ne preghiamo, con occhio benigno la cara eredità che Gesù Cristo acquistò col suo Sangue, e col tuo potere ed aiuto sovvieni ai nostri bisogni. Proteggi, o provvido custode della divina Famiglia, l'eletta prole di Gesù Cristo: allontana da noi, o Padre amatissimo, gli errori e i vizi, che ammorbano il mondo; assistici propizio dal cielo in questa lotta col potere delle tenebre, o nostro fortissimo protettore; e come un tempo salvasti dalla morte la minacciata vita del pargoletto Gesù, così ora difendi la santa Chiesa di Dio dalle ostili insidie e da ogni avversità; e stendi ognora sopra ciascuno di noi il tuo patrocinio, affinché a tuo esempio e mediante il tuo soccorso, possiamo virtuosamente vivere, piamente morire e conseguire l'eterna beatitudine in cielo.
AMEN.

Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
Nino Leonardo

avatar

Messaggi : 63
Data d'iscrizione : 12.03.09
Età : 79
Località : nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Mar Mar 29, 2011 1:36 pm

Ad una cena di beneficenza per una scuola che cura bambini con problemi

di apprendimento, il padre di uno degli studenti fece un discorso che

non sarebbe mai più stato dimenticato da nessuno dei presenti. Dopo

aver lodato la scuola ed il suo eccellente staff, egli pose una

domanda:

'Quando non viene raggiunta da interferenze esterne, la natura

fa il suo lavoro con perfezione. Purtroppo mio figlio Shay non può

imparare le cose nel modo in cui lo fanno gli altri bambini. Non può

comprendere profondamente le cose come gli altri. Dov'è il naturale

ordine delle cose quando si tratta di mio figlio?'



Il pubblico alla domanda si fece silenzioso.



Il padre continuò:



'Penso che quando viene al mondo un bambino come Shay, handicappato
fisicamente e mentalmente, si presenta la grande opportunità di realizzare
la natura umana e avviene nel modo in cui le altre persone trattano quel
bambino.'

A quel punto cominciò a narrare una storia:
Shay e suo padre passeggiavano nei pressi di un parco dove Shay sapeva
che c'erano bambini che giocavano a baseball. Shay chiese:
'Pensi che quei ragazzi mi faranno giocare?'
Il padre di Shay sapeva che la maggior parte di loro non avrebbe voluto in
squadra un giocatore come Shay, ma sapeva anche che se gli fosse stato permesso di
giocare, questo avrebbe dato a suo figlio la speranza di poter essere accettato
dagli altri a discapito del suo handicap, cosa di cui Shay aveva
immensamente bisogno. Il padre si Shay si avvicinò ad uno dei ragazzi
sul campo e chiese (non aspettandosi molto) se suo figlio potesse giocare.

Il ragazzo si guardò intorno in cerca di consenso e disse:
'Stiamo perdendo di sei punti e il gioco è all'ottavo inning.
Penso che possa entrare nella squadra: lo faremo
entrare nel nono' Shay entrò nella panchina della squadra e con un sorriso
enorme, si mise su la maglia del team.
Il padre guardò la scena con le lacrime agli occhi e con un senso di
calore nel petto. I ragazzi videro la gioia del padre all'idea che il
figlio fosse accettato dagli altri. Alla fine dell'ottavo inning, la squadra di Shay prese alcuni punti ma era sempre indietro di tre punti.


All'inizio del nono inning Shay indossò il guanto ed entrò in campo. Anche
se nessun tiro arrivò nella sua direzione, lui era in estasi solo all'idea
di giocare in un campo da baseball e con un enorme sorriso che andava da
orecchio ad orecchio salutava suo padre sugli spalti. Alla fine del nono
inning la squadra di Shay segnò un nuovo punto: ora, con due out e le basi
cariche si poteva anche pensare di vincere e Shay era incaricato di essere
il prossimo alla battuta. A questo punto, avrebbero lasciato battere
Shay anche se significava perdere la partita? Incredibilmente lo

lasciarono battere.


Tutti sapevano che era una cosa impossibile per Shay che non sapeva
nemmeno tenere in mano la mazza, tantomeno colpire una palla. In ogni
caso, come Shay si mise alla battuta, il lanciatore, capendo che la
squadra stava rinunciando alla vittoria in cambio di quel magico momento
per Shay, si avvicinò di qualche passo e tirò la palla così piano e
mirando perché Shay potesse prenderla con la mazza. Il primo tirò arrivò a
destinazione e Shay dondolò goffamente mancando la palla. Di nuovo il
tiratore si avvicinò di qualche passo per tirare dolcemente la palla a
Shay. Come il tiro lo raggiunse Shay dondolò e questa volta colpì la palla
che ritornò lentamente verso il tiratore. Ma il gioco non era ancora
finito. A quel punto il battitore andò a raccogliere la palla: avrebbe
potuto darla all'uomo in prima base e Shay sarebbe stato eliminato e la
partita sarebbe finita. Invece... Il tiratore lanciò la palla di molto
oltre l'uomo in prima base e in modo che nessun altro della squadra
potesse raccoglierla. Tutti dagli spalti e tutti i componenti delle due
squadre incominciarono a gridare:

'Shay corri in prima base! Corri in prima base!'
Mai Shay in tutta la sua vita aveva corso così lontano, ma lo
fece e così raggiunse la prima base. Raggiunse la prima base con occhi
spalancati dall'emozione. A quell punto tutti urlarono:
' Corri fino alla seconda base!'


Prendendo fiato Shay corse fino alla seconda trafelato. Nel momento
in cui Shay arrivò alla seconda base la squadra avversaria aveva
ormai recuperato la palla.. Il ragazzo più piccolo di età che aveva
ripreso la palla quindi sapeva di poter vincere e diventare l'eroe della
partita, avrebbe potuto tirare la palla all'uomo in seconda base ma fece
come il tiratore prima di lui, la lanciò intenzionalmente molto oltre
l'uomo in terza base e in modo che nessun altro della squadra potesse
raccoglierla.


Tutti urlavano:
'Bravo Shay, vai così! Ora corri!'
Shay raggiunse la terza base perché un ragazzo del team avversario
lo raggiunse e lo aiutò girandolo nella direzione giusta.
Nel momento in cui Shay raggiunse la terza base tutti urlavano di gioia.


A quel punto tutti gridarono:
' Corri in prima, torna in base!!!!'
E così fece: da solo tornò in prima base, dove tutti lo sollevarono in

aria e ne fecero l'eroe della partita.


'Quel giorno' disse il padre piangendo 'i ragazzi di entrambe le squadre
hanno aiutato a portare in questo mondo un grande dono di vero amore ed
umanità'.

Shay non è vissuto fino all'estate successiva.
E' morto l'inverno dopo ma non si è mai più dimenticato di essere l'eroe
della partita e di aver reso orgoglioso e felice suo padre.. non dimenticò
mai l'abbraccio di sua madre quando tornato a casa le raccontò di aver
giocato e vinto.

ED ORA UNA PICCOLA NOTA AL FONDO DI QUESTA STORIA:
In internet ci scambiamo un sacco di giochi e mail scherzose senza che
queste ci facciano riflettere, ma quando si tratta di diffondere mail
sulle scelte della vita noi esitiamo.
il crudo, il volgare e l'osceno passano liberamente nel cyber spazio,
ma le discussioni pubbliche sulla decenza sono troppo spesso soppresse
nella nostre scuole e nei luoghi di lavoro.
Se stai pensando di forwardare questo messaggio, c'è probabilità che
sfoglierai i tuoi contatti di rubrica scegliendo le persone
'appropriate' o 'inappropriate' a ricevere questo messaggio.
Bene: la persona che ti ha mandato questa e-mail pensa che TUTTI NOI
POSSIAMO FARE LA DIFFERENZA. Tutti noi abbiamo migliaia di opportunità,
ogni giorno, di aiutare il 'naturale corso delle cose' a realizzarsi.
Ogni interazione tra persone, anche la più inaspettata, ci offre una
opportunità: passiamo una calda scintilla d'amore e umanità o
rinunciamo a questa opportunità e lasciamo il mondo un po' più freddo?


Un uomo saggio una volta disse che ogni società è giudicata in base a
come tratta soprattutto i meno fortunati!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Ven Apr 08, 2011 1:36 pm



DEDICATO AL MIO AMORE
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Gio Nov 24, 2011 9:34 pm

ascoltate questa radio campana:

http://www.radioraffaellauno.com/
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Gio Mag 07, 2015 10:40 am

MANTENERSI IN COLLEGAMENTO
Mentre preparo il pranzo mi piace, appena posso, guardare fuori dalla finestra il via vai della gente, lo sfilare delle macchine, riuscendo così a distrarmi dalla quotidianità dei gesti, consentendomi di proiettarmi oltre. Ad un incrocio rumoroso, per l'intenso traffico, osservo che un uomo lavora in cima ad un palo telefonico. Di tanto in tanto, il suo aiutante che si trova giù mette in un secchio attrezzi e materiale che l'altro tira su; i due lavorano in perfetta armonia tanto da attirare il mio sguardo. Ma come fa l'uomo dal basso a sapere esattamente ciò che l'uomo sul pilone ha di bisogno? Il segreto è un piccolo ricevitore telefonico che l'uomo dal basso ha posizionato al suo orecchio, e spesso lo noto sistemarselo sempre meglio; così, il tutto si svolge alla perfezione e senza grida. Per l'ignaro, tutto ciò, rimane un segreto incomprensibile fino a tanto che non lo scopre o non l'ode. Gli increduli difendono la loro posizione dicendo: "perché Dio non parla facendo udire la sua voce? ... In oltre, se Dio esistesse perché non ha risposto a Gesù quando, nel Getsemani, gridò " Dio mio, Dio Mio perché mi hai abbandonato?” Tutta questa scena, mi ha portato a riflettere che fra noi e Dio dovrebbe accadere la stessa cosa, noi dal basso dovremmo restare in collegamento per sapere ciò che il Signore vuole da noi. Ma come parla Dio? Egli lo fa attraverso la sua Parola. La voce dello Spirito Santo testimonia al nostro spirito, attraverso le circostanze della vita, attraverso le difficoltà in cui veniamo a trovarci. Ascoltare messaggi intelligenti provenienti dal cielo è un esercizio che il credente dovrebbe fare ogni giorno. Per questo non abbiamo bisogno né di antenne né di computer. Abbiamo la Parola di Dio scritta e l'assistenza dello Spirito Santo. Con questo mezzo, riceviamo comunicazioni provenienti dal Signore dell'universo. Da Harvard non hanno nessuna idea di quello che potrebbero sentire, ma il credente è familiare con queste comunicazioni dal cielo. In ogni modo, Egli parla... e se noi impariamo a restare in silenzio e ad ascoltare la Sua voce avremo una vita diretta dall'alto. Il segreto è posizionare al nostro orecchio un "ricevitore" che mi piace chiamare "pronto ad ascoltare" e cercare di sistemarlo sempre meglio perché il traffi.co della vita è così rumoroso che potrebbe facilmente distrarci. (1 Corinzi 7:35)


CIRCOSTANZE DIFFICILI
Il Signore si serve delle circostanze difficili che attraversiamo per dirigere i nostri sguardi verso il momento benedetto in cui Egli ci verrà incontro, ci prenderà con Sé, e noi saremo sempre con Lui. Notate che, quando il Signore si avvicina alla barca, i discepoli sono spaventati. Non lo sono tanto per la tempesta, quanto dalla vista del Signore Gesù. «Vedendolo camminare sul mare, si turbano...». Penso che da questo possiamo trarre un'utile lezione. Se siamo occupati dalle circostanze che attraversiamo, queste possono impadronirsi delle nostre anime. Invece di essere pieni di gioia al pensiero che Egli viene, e che saremo con Lui per sempre, i nostri cuori sono preoccupati e anche spaventati. Ogni volta che ci lasciamo distogliere dalla persona del Signore Gesù, preoccupati dai pericoli dei giorni attuali e in apprensione per l'avvenire, perdiamo di vista la Sua prossima venuta; essa sarà per noi come l'apparizione di un «fantasma». E ci capiterà di gridare di paura invece di rallegrarci.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Gio Ott 15, 2015 4:16 pm

NON IMPORTA IL COLORE DEI TUOI OCCHI

Nei tempi andati si pensava che la luce era qualcosa che viaggiava dagli occhi agli oggetti che si guardavano. Invece adesso sappiamo che la luce è qualcosa che viene a noi per mezzo di piccolissimi e invisibili mondi "d'atomi" provenienti dell'emanazione delle grandi luminosità come il sole o di luce più semplice. Si può affermare che una persona sta mentendo o è sincera, o se è innamorata, oppure se odia o ama, semplicemente guardandola negli occhi. Gli occhi rivelano di più di quanto può fare un qualsiasi altro gesto: delle mani, del corpo o del suo volto. «La lampada del corpo è l'occhio»: ha detto Gesù. Quando impareremo a vivere davanti ai nostri simili, senza apparenza, falsa umiltà, fanatismo religioso, orgoglio spirituale, il nostro occhio sarà chiaro! Se abbiamo luce in noi, e soprattutto, luce spirituale nella nostra anima, non rifletteremo certamente tenebre.
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Sab Ott 17, 2015 1:10 pm

NON TURBATEVI

Questo scritto è dedicato a quelli il cui cuore un giorno si fermerà... in sostanza, anche a tutti, certamente! La Parola di Dio, dichiara: "è stabilito che gli uomini muoiono una volta sola ( Ebrei 9:27)"; dichiara pure: "preparati ad incontrare il tuo Dio"! (Amos 4:12). Si racconta di un uomo, curvo sotto il peso di un fardello che non riusciva a portare, si era fermato sul ciglio della strada, e, deposto il carico ai suoi piedi, così si lamentava: " Non ne posso più! Se almeno la morte venisse a liberarmi..." "Eccomi, che cosa vuoi da me"? L'uomo, spaventato, rispose: "Oh! desidero soltanto che tu mi aiuti a ricaricarmi sulle spalle il mio fardello, perché è tempo che io riprenda il mio cammino..." Tutti sappiamo molto bene, nonostante ogni possibile ostentazione, che nessuno da se stesso si dispone volentieri ad incontrare la morte. Anche la Scrittura lo conferma autorevolmente: "quelli che per timore della morte sono per tutta la vita soggetti a schiavitù". (Ebrei 2:15). Tutto questo, però, non ci deve turbare se abbiamo Gesù nel cuore e, inoltre, possiamo dire come è scritto ai Corinzi: «La morte è stata sommersa nella vittoria», perché Gesù l' ha vinta per noi! (1 Corinzi 15:55).
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
^dotty^
Admin
avatar

Messaggi : 966
Data d'iscrizione : 17.03.08
Località : Nunziata

MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   Gio Mar 09, 2017 3:01 pm

mostra pasquale laboratorio "Mamma Margherita" dal 8.3.2017 al 15.4.2017 il ricavato alle missioni
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://dotty.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: VARIE - discussioni varie   

Tornare in alto Andare in basso
 
VARIE - discussioni varie
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Vai alla pagina : Precedente  1, 2, 3

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Gli Animaloni :: La tua prima categoria :: Il tuo primo forum-
Andare verso: